Consigli

Guida dello pneumatico

EVOLUZIONE MARCATURA DEGLI PNEUMATICI PER VEICOLI PESANTI DA GIUGNO 2012

 

Man mano che le gamme vengono rinnovate, gli pneumatici MICHELIN hanno una nuova marcatura che semplifica le informazioni sul prodotto.

Questa nuova marcatura ha tre aree:

  • La marca MICHELIN: garantisce l'autenticità del prodotto.
  • La gamma dello pneumatico: identificazione dell'uso.
  • La dimensione e la posizione dello pneumatico: posizionamento nel veicolo.

Questa marcatura facilita il riconoscimento e la comprensione dell'uso del prodotto. L’indicazione della posizione sugli assi facilita la movimentazione nelle officine.

Anche gli pneumatici ricoperti hanno questa nuova marcatura, man mano che vengono rinnovati.

Marcature degli pneumatici MICHELIN

Attualmente, gli pneumatici MICHELIN sono marcati secondo questo principio:

appellation1

Queste marcature vengono modificate, al fine di aiutare a identificare meglio il tipo di utilizzo dello pneumatico, man mano che si rinnovano le gamme di prodotti, come nel caso della sostituzione dello pneumatico MICHELIN XTE 2 con lo pneumatico MICHELIN X® MULTI™ T:

appellation2

In alcuni casi, i nomi dei prodotti includono anche altre informazioni relativi a vantaggi supplementari offerti per soddisfare i vincoli specifici trasportatore. Per esempio:

appellation3

* questo prodotto non esiste. Informazione fornita come esempio.

OPZIONI 
ENERGY™: risparmio di carburante 
GRIP : aderenza all seasons
WINTER : condizioni invernali 
ICEGRIP : aderenza sul giacchio 
HD : carcassa rinforzata 
HL : alto carico 
Questo elenco può cambiare.

Sfoglia i punti

  • Posizione dell'indicatore di usura
  • PICTO che illustra la gamma
  • LOGO della gamma
  • DOT che corrisponde al codice di fabbrica e alla data di fabbricazione dello pneumatico (settimana + anno)
  • Regroovable: Pneumatico riscolpibile
  • Denominazione della dimensione:
    Sezione dello pneumatico in mm
    Serie : Rapporto altezza su sezione x 100
    R : Struttura Radiale
    Diametro interno
  • Indici di capacità di carico e categoria di velocità
    Ubicazione del punto singolare secondo la dimensione
  • Sagoma che indica la posizione dello pneumatico
  • Tubeless: montaggio senza camera d'aria
  • Lettera che indica la posizione dello pneumatico
  • Logo della marca MICHELIN
  • Codice omologazione Europa
  • Marcatura M + S, categoria di utilizzo

Categorie di velocità

CATEGORIE DI VELOCITÀ Velocità in km/h
D 65
E 70
F 80
G 90
CATEGORIE DI VELOCITÀ Velocità in km/h
J 100
K 110
L 120
M 130
CATEGORIE DI VELOCITÀ Velocità in km/h
N 140
P 150
Q 160
R 170

Indici di capacità di carico

INDICI Carico in kg
100 800
101 825
102 850
103 875
104 900
105 925
106 950
107 975
108 1000
109 1030
110 1060
111 1090
112 1120
113 1150
114 1180
115 1215
116 1250
117 1285
118 1320
119 1360
INDICI Carico in kg
120 1400
121 1450
122 1500
123 1550
124 1600
125 1650
126 1700
127 1750
128 1800
129 1850
130 1900
131 1950
132 2000
133 2060
134 2120
135 2180
136 2240
137 2300
138 2360
139 2430
INDICI Carico in kg
140 2500
141 2575
142 2650
143 2725
144 2800
145 2900
146 3000
147 3075
148 3150
149 3250
150 3350
151 3350
152 3550
153 3650
154 3750
155 3875
156 4000
157 4125
158 4250
159 4375
INDICI Carico in kg
160 4500
161 4625
162 4750
163 4875
164 5000
165 5150
166 5300
167 5450
168 5600
169 5800
170 6000
171 6150
172 6300
173 6500
174 6700
175 6900
176 7100
177 7300
178 7500
179 7750
 

Rischio di sovraccarico 

L'utilizzo dello pneumatico oltre il carico nominale indicato su di esso può provocare danni irreversibili nella struttura che possono più tardi portare a una messa a piatto (perdita di pressione) improvvisa.

Scegliere gli pneumatici per autocarri: una fase importante

Michelin offre una vasta gamma di pneumatici per autocarri che permette di soddisfare diversi tipi di veicoli, percorsi e utilizzi. In conformità alla legislazione e alle precauzioni tecniche, Michelin aiuta i suoi clienti nella scelta, nel montaggio e nell'utilizzo.

Avvertenze e precauzioni di uso

Rispettare la legislazione nazionale in vigore e i consigli dei costruttori dei veicoli e dei fabbricanti: misura, indici di carico, indice di categoria velocità, struttura… Qualora sia modificato l'equipaggiamento originale, verificare la normativa nazionale in vigore. In alcuni Paesi, il veicolo modificato deve essere autorizzato dall'amministrazione competente.

Tenere conto delle diverse condizioni di utilizzo. Prestare attenzione alle proprie necessità (lunghe percorrenze, viaggi invernali, condizioni estreme, ecc.) per trovare lo pneumatico più adatto.

Fare controllare uno pneumatico non nuovo o usurato da un professionista prima del montaggio per garantire la sicurezza e la conformità alla normativa in vigore.

Si consiglia di montare sullo stesso assale pneumatici di usura paragonabile. Alcune legislazioni esigono uno scarto massimo. Secondo i Paesi, è obbligatorio o altamente consigliato di montare pneumatici con lo stessa scultura sullo stesso assale.

Non utilizzare mai lo pneumatico oltre le caratteristiche tecniche per i quali è stato omologato. Alcune assetti eccessivi o anormali del veicolo possono influire sulle prestazioni dello pneumatico per autocarri.

L'uso improprio o una scelta sbagliata dello pneumatico per veicoli pesanti può contribuire anche alla fatica prematura di alcune parti meccaniche.

Scegliere lo pneumatico giusto ""autocarro" in tre passi

Ci sono tre tipi principali di assale negli autocarri: assale sterzante, assale motore e assale portante.

Essieux

Per una guida sicura e ottimizzare la redditività, si devono rispettare alcuni criteri nella scelta.

3 passi da seguire:

Definire l'uso giusto dello pneumatico

Scegliere tra le sei gamme di pneumatici MICHELIN per Autocarri.  Ogni gamma corrisponde a diverse esigenze e utilizzi dei trasportatori. 

Determinare le dimensioni giuste dello pneumatico

Il carico massimo di un assale è indicato dal costruttore del veicolo in adempimento alla normativa in vigore. L'attrezzare questo assale con pneumatici in grado di supportare un carico maggiore non consente di superare il carico omologato dal costruttore.

A ogni dimensione di pneumatico autocarro corrisponde una ruota (larghezza del cerchione): vedi "Manuale Standard" ETRTO e/o le raccomandazioni del costruttore del veicolo.

Non montare mai uno pneumatico su un cerchio non omologato: c'è il rischio di danneggiare la ruota e/o lo pneumatico, di avere una impronta non ottimizzata sul suolo, di un lavoro anormale della carcassa (sicurezza), il comportamento, l’aderenza e la longevità dello pneumatico.

Scegliere la scultura giusta

Osservare le regole per scegliere la scultura degli pneumatici autocarro secondo la posizione dell'assale nel veicolo.

 Per equipaggiare un assale anteriore sterzante:

  • utilizzare esclusivamente sculture "F" o "Z"
  • non utilizzare mai una scultura "T"

 Per equipaggiare un assale motore, si devono usare sculture "D"
 Per equipaggiare un assale portante, si devono usare sculture "T"

* Michelin non può essere ritenuta responsabile delle conseguenze di danni in caso di utilizzo fuori di tali raccomandazioni.

Essieux-camion

*Questi pneumatici sono appositamente progettati per l'impiego sugli assali trainati. Non sono previsti per l'impiego sugli assali direzionali di motrici o trattori. Michelin non può essere ritenuta responsabile delle conseguenze derivanti da un utilizzo diverso da quello definito.

Per equipaggiare un assale sterzante, si deve:
Utilizzare esclusivamente sculture "F" o "Z". Queste sono sculture progettate e fabbricate per soddisfare i vincoli specifici degli assal sterzanti di motrici o trattori: carico dinamico, angoli della geometria degli assali, alta resa chilometrica, ecc.

Per equipaggiare un assale motore, si deve:
Utilizzare esclusivamente sculture "D" o "Z". Le sculture "D" sono progettate per soddisfare i vincoli specifici degli assali motori: trasmissioni di coppie motrici e frenanti, montaggio in gemellato, maggiore carico per assale, ecc. Gli pneumatici con sculture "Z" possono essere installati negli assali motori ma le prestazioni per soddisfare i vincoli di questo assale saranno ottime con sculture "D".

Per equipaggiare un assale portante, si deve:
Utilizzare esclusivamente sculture "T" o "Z". Esse son progettate per soddisfare i vincoli specifici degli assali portanti: carichi statici e dinamici, tensione trasversale, alta resa chilometrica per gli assali centrali, ecc. Gli pneumatici con sculture "T" hanno indici di carico e velocità adatti ai veicoli trainati (rimorchio o semirimorchio). Quando si montano pneumatici con sculture "Z", si deve controllare che gli indici di carico e la categoria di velocità siano conformi ai vincoli dell'assale. In Europa, gli pneumatici MICHELIN con sculture "T" hanno la marcatura "FRT" (Free Rolling Tyre), normalizzata dall’ETRTO. Non si deve mai utilizzare la scultura "T" sugli assali sterzanti o motore.

Marcatura FRT:
La marcatura FRT è indicata nel regolamento 54: "Marcatura 3.1.15". La menzione "FRT" riguarda gli pneumatici progettati appositamente per assali portanti (pneumatici per assali trainati). Questa disciplina si applica a tutti gli pneumatici nuovi usati nel territorio europeo: ovvero gli pneumatici FRT sono omologati solo per essere montati negli assali portanti. Michelin applica la marcatura FRT anche sugli pneumatici MICHELIN Remix. Michelin non può essere ritenuta responsabile delle conseguenze di danni in caso di uso fuori delle raccomandazioni.

LA CARCASSA SUPPORTA

LA CARCASSA SUPPORTA

IL FIANCO AMMORTIZZA

IL FIANCO AMMORTIZZA

IL TALLONE DELLO PNEUMATICO TRASMETTE

IL TALLONE DELLO PNEUMATICO TRASMETTE

LE TELE DI SOMMITÀ GUIDANO

LE TELE DI SOMMITÀ GUIDANO

LA GOMMA RESISTE ALL'USURA

LA GOMMA RESISTE ALL'USURA

Le forze che si oppongono all'avanzamento

Per spostarsi, ci vuole energia. Per ridurre il consumo di carburante, si deve diminuire l'impatto delle forze che si oppongono allo spostamento dei veicoli (la gravità associata al peso del veicolo, la resistenza dell’aria, gli attriti meccanici). La resistenza al rotolamento degli pneumatici, molto spesso sottovalutata, è responsabile di un terzo del consumo di carburante.

Resistenza aerodinamica, gravità e inerzia

resistance_01

Attriti meccanici e resa efficienza del motore

resistance_02

Resistenza degli pneumatici

resistance_03

La ruota, fattore di sicurezza

La ruota è un vero organo di sicurezza del veicolo poiché:

  • Garantisce la tenuta stagna dello pneumatico
  • Porta il carico
  • Consente risparmi di carburante
  • Trasmette la potenza
  • Partecipa nella dissipazione del calore
  • Permette un guadagno di peso
  • Contribuisce all'estetica del veicolo
roue2

Risvolgersi ai fabbricanti di cerchioni e ruote per assicurarsi che hanno la resistenza sufficiente per l'utilizzo previsto. *

* fonte ETRTO

Denominazione della ruota

Innovations_Roue_a_Valve_V0R3_decoupe_01

Ruota a valvola protetta

Per evitare danni alla valvola (quando un oggetto penetra nella ruota), Michelin raccomanda l'uso della ruota a valvola protetta (Ruota ALV).

La valvola si trova al esterno del disco.

Ruota ALV

 La valvola è protetta.

Ruota classica

 Pericolo se una pietra rimane bloccata tra il disco e la pinza

roue_alv
roue_classique_ilv

Ruota reversibile

La ruota reversibile per semirimorchi ha una valvola a doppia uscita e permette, se necessario, di rivoltare l'insieme pneumatico/ruota.

Ruota reversibile (REV)

roue_reversible

Ruota X-One

L’insieme montato ruota + pneumatico X-One permette fino a 130 kg di carico in più riducendo il consumo del 1,5 %

Ruote gemellate

Ruota X ONE

Roues-jumelees
Roue-X-One

Ruote gemellate (schema)

2 ruote 22.5 x 9.00 per pneumatico 315/70 R 22.5

2 ruote 22.5 x 7.50 per pneumatico 275/70 R 22.5

Ruote X-One (schema)

1 ruota 22.5 x 17.00 per pneumatico 495/45 R 22.5

1 ruota 22.5 x 15.00 per pneumatico 455/45 R 22.5

Montaggio della ruota

Innovations_Roue_a_Valve
  • Utilizzare i dispositivo di fissaggio previsti dal costruttore (assi, dadi, ecc.)
  • Rispettare le coppie di serraggio consigliate dal costruttore del veicolo o dell'asse (SR)
  • Rispettare l'ordine di serraggio dello schema qui sopra
  • Il serraggio deve essere ultimato con una chiave dinamometrica o, in mancanza, con gli utensili forniti dal costruttore del veicolo
  • La chiave a impatto può essere utilizzata per il serraggio se si adopera una boccola di torsione
  • Controllare la coppia di serraggio dei dadi dopo 50 km poi dopo altri 100 km. In seguito controllare periodicamente